Pagine

martedì 28 dicembre 2010

Il mercante di Venezia



Il mercante di Venezia
Regia di Michael Radford
2004

Un film tratto da un'opera teatrale di William Shakespeare che narra la storia di Shylock, un ebreo "usuraio" che presta dei soldi ad un mercante e come penale, nel caso non avesse i soldi, chiede 1 libbra di carne umana.
Un intreccio di storie che da vita ad un film straordinario pieno di colpi di scena e suspance.
Un film dove non si riesce a definire un buono e un cattivo, dove la legge prevale su tutti.

Frase del Film :


io considero il mondo per quello che e' : un palcoscenico nel quale ognuno deve recitare una parte,e la mia 
e' una parte triste

Sweeney Todd Il diabolico barbiere di fleet street

Sweenet Todd Il diabolico barbiere di fleet street
Regia di Tim Burton
2007

Johnny Depp rientra in scena con un bellissimo musical gotico diretto da Tim Burton.
Sweeney Tood questo è il suo personaggio, un vecchio barbiere cacciato via da Londra per 15 anni e ora ritornato per la sua vendetta. Un film appassionante che intreccia cannibalismo, morte e corruzione.
Non mancano di certo le carattestistiche di Tim Burton che in ogni suo film mette girandole nere o color rosso sangue che sono la sua firma.
un musical tratto da un omonimo spettacolo teatrale di Stephen Sondheim ora riprodotto in chiave cinematografica.

Frase del film:
Signor T, ditemi che non l'avete fatto. Allora siete pazzo! Uccidere un uomo che non vi ha fatto alcun male!
Mi ha riconosciuto. Voleva ricattarmi. Metà dei miei guadagni.
Oh be, allora è diverso. Per un attimo ho pensato che fosse davvero diventato matto.

lunedì 20 dicembre 2010

Una tomba per le lucciole

Una tomba per le lucciole
regia di Isao Takahata
1988

Ci troviamo in giappone negli anni della 2°guerra mondiale. due fratelli orfani dovranno affrontare le difficoltà di quel periodo, aiutandosi l'un l'altro.
Un film struggente, mostra una realtà che sappiamo già, ma mai vista. Una testimonianza vera e propria, che mette a nudo la verità e che rivela una fratellanza, amicizia e unione tra i due fratelli che, anche dopo la morte, hanno saputo volersi bene.
La maggior parte delle persone pensa che i film d'animazione o come li chiamano loro "cartoni animati", siano solo per un pubblico piccolo, credo che questo film sia l'esatto opposto di quello che pensano.
Un film coinvolgente che accompagna lo spettatore nel pieno della guerra e che, lo fa sentire come una persona che non può fare niente per cambiare le cose.
Mi è piaciuta moltissimo la prima frase del ragazzo :"la sera del 21 settembre 1945 io morii " una frase che non dona speranza allo spettatore ma, che dichiara gia da subito che nel film non la si cerca.
Mi è piaciuto anche l'accostamento del rosso sangue, che mostra i due orfani morti e il colore della relatà.

Frase del film:
"chissà che giorno è oggi. Setsuko !"

mercoledì 15 dicembre 2010

Harry Potter e i doni della morte parte 1




Harry Potter e i doni della morte parte 1
Regia di  David Yates
2010

Dopo tanti hanni, non se ne può più di harry potter.
Il famoso maghetto di hogwarts, alla sua fine, questa volta lascia molto a desiderare.
Lontano dalla sua vecchia, accogliente e calda scuola, harry dovrà imbattersi con freddo, amici inconprensibili, paesaggi gothic e paura... tanta paura.
Credo che questo film sia stato un gran buco nell'acqua; caotico e difficile da seguire. Yates, regista di "Harry potter e l'ordine della fenice" e "Harry potter e il principe mezzosangue" ha creato questo film solo per gli appassionati alla saga che, hanno saputo cogliere tanti aspetti del film deludenti. Scene troppo lunghe, discorsi troppo complicati per uno che non ha seguito la saga. I personaggi sono semplici e banali e non coinvolgono lo spettatore. Ho trovato interessante solo una scena fatta in animazione flash che racconta la fiaba dei tre fratelli e i doni della morte.
Consiglerei a tutti i fan della saga di rimanere a casa, perchè non si perdono nulla di particolare.


Frase del film:
"mi apro alla chiusura"

lunedì 13 dicembre 2010

Il Piccolo Nicolas e i suoi genitori

Il piccolo Nicolas e i suoi genitori
regia di Laurent Tirard
2009


Questa divertentissima commedia parla di un ragazzo, Nicolas che, insieme ai suo compagni escogitano un piano per togliere di mezzo il suo fratellino.
Il film tratto dal libro di René Goscinny (asterix e obelix), mostra il mondo visto da un bambino delle elementari, pieno di avventure, problemi e di incomprensioni. Questa pellicola, fa rivivere e rivedere la città parigina degli anni '50. In questo film non mancancano di certo umorismo infantile e anche un pizzico di coraggio che, crea una certa atmosfera familiare e contestuale molto spassosa.
Mi è piaciuto molto di più il capolavoro di Truffaut "I 400 colpi" ma, credo questi due film non possano essere paragonati uno con l'altro.

Frase del film:
"C'è un ragazzino che trova un seme e dopo lo pianta. Il seme cresce e diventa un bambino che comincia a ingrandirsi, ingrandirsi, ingrandirsi... fino a diventare un gigante che cattura il bambino e se lo divora crudo!"

giovedì 9 dicembre 2010

Rapunzel l'intreccio della torre

Rapunzel l'intreccio della torre
regia di Nathan Greno e Byron Howard
2010

Un film d'animazione U.S.A. che in chiave ironica e romantica, racconta la bellissima storia della principessa Raperonzolo, tenuta prigioniera da una "strega" che vuole rimanere giovane grazie alla lucentezza dei capelli dorati della principessa.
Un film pieno di azione e odio, che trasmette queste sensazioni sia ai grandi che ai più piccoli.
La favola, è anche un rifacimento alla storia dei fratelli Grimm e l'incantevole strega di Terry Gilliam
Rapunzel non è sola nel percorso della sua avventura, è accompagnata da Flynn Rider, un ladro con buone intenzioni, un cavallo "poliziotto" e un carinissimo e divertentissimo camaleonte che cambiando protegge Raperonzolo dai briganti. Non mi è sembrato il classico film della disney ma, un lungometraggio che possiede un'ironia, amore e odio che non si vede in tutte le sale.







venerdì 3 dicembre 2010

Ragazzi siamo arrivati a 1006 visualizzazioni !!!!

Van Helsing

Van Helsing
regia di Stephen Sommers
2004


Van Helsing (Hugh Jackman), un cacciatore di "mostri" dovrà sconfiggere dracula (Richard Roxburgh) e le due mogli. Un film con un buon intro e buoni effetti speciali ma che perde credibilità e attenzione dopo 30 m.
Mi aspettavo che questo film fosse serio e crudo. Si è dimostrato tutto il contrario. Il protagonista è stato trasformato in un body guard affascinate e rozzo. Quello che era il serio professore Abraham Van Helsing
ormai non esiste più, é stato rimpiazzato da questo prototipo di "supereroe". In questo film non ho riscontrato caratteristiche buone; ho riscontrato tanti cambiamenti in peggio. Consiglerei vivamente di non guardare questo film.


Frase del film:

"Avere memoria di coloro che amavi e che hai perduto forse è più doloroso che non avere alcuna memoria"

mercoledì 1 dicembre 2010

The Ring

The Ring
regia di Gore Verbinski
2002

Una coppia di fidanzati si ritrovano una sera e guardano una cassetta ma... non sanno che fre 7 giorni moriranno. Film abbastanza intrigante anche se simile a "Scream" di Wes Craven. a
Subito dopo l'intro, la storia si fa incalzante e rapida come i movimenti di Samara la tragica bambina che è stata uccisa dalla madre. Il film,remake de "Ring" di Hideo Nakata mostra solo poco differenze: solo quelle ambientali e sociali. La bravura del regista è stata ottima, ha indotto lo spettatore a pensare che la bambina fosse "pura" ma... il film diciamo non è quello che ci si aspetta. Alcune scene le ho trovate davvero geniali, il regista ha accostato delle immagini e ne ha creato una storia davvero emozionante.Ottima interpretazione di Naomi Watts e del "figlio" David Doriman che sono riusciti a lasciarci col fiato sospeso fino alla fine. Ottima anche la colonna sonora creata da Hans Zimmer. Film ottimo ora dovrò vedere anche "The Ring 2"


Frase del film:

"Lei non dorme mai..."

Porco Rosso

Porco Rosso
regia di Hayao Miyazaki
1992

Ambientato nell'italia fascista del 1930, un aviatore, con l'aspetto di un maiale sorvola i cieli del mare adriatico, scontrandosi contro pirati del cielo fascisti. Questo film tratto dal libro "Gli anni degli idrovolanti" dell'omonimo regista, mette in risalto lati politici, economici, e soprattutto temi come la pace, tristezza e amore che lasciano a bocca aperta lo spettatore.
Opera mai vista e che ci riporta ai primi film prodotti dallo Studio Ghibli (casa di produzione del regista). Il prodotto è accompagnato dai brani del maestro Joe Hisaishi che come sempre ci culla per tutta la durata del film. C'è stata una scena che racchiude in se tante problematiche: stò parlando del momento in cui un team di operaie donne si mette al lavoro nel riparare l'idrovolante di Marco. Non conosciamo bene la vita del protagonista ma sappiamo che ha un gran cuore, grande tenacia e che per colpa di una maledizione si è tramutato in maiale (elemento certo di ogni film del regista). Capolavoro poco conosciuto e solo ora uscito nelle nostre sale che ci riporta e ci fa rivivere momenti di alta tensione.

Frase del film:
"Un maiale che non vola è solo un maiale"